Ancona – Marche – Italia

E’ la bella Città Dorica sul Monte Conero che si affaccia sul Mar Adriatico.

Dorica

Perché fondata nel 387 a.C. dai Greci di Siracusa di stirpe dorica.

Ankòn – gomito

E’ il nome dato dai greci per la forma a gomito del promontorio dove sorge e del porto naturale a gomito che crea.

Nel Centro Storico

Piazza Camillo Benso Conte di Cavour

E’ una piazza molto grande e verdeggiante, progettata nel 186o dove domina al centro la Statua di Cavour. Sul basamento vi sono due bassorilievi che rappresentano: il Congresso di Parigi e la Proclamazione del Regno d’Italia, strettamente legati alla sua azione politica.

Introduce nel bel …

Corso Garibaldi

Che conduce fino …

La Chiesa del Santissimo Sacramento

Risale al 1538 ma nel 1776 fu ricostruita quasi totalmente.

Che si affaccia in …

Piazza della Repubblica o del Teatro

Dove domina imponente …

Il Teatro delle Muse

E’ in stile neoclassico. Nel timpano un bassorilievo raffigura : Le Nove Muse, ispiratrici delle arti. Apollo, dio delle arti. Palemone, dio dei porti.

Che a sua volta si affaccia sul porto.

Il Porto

Nel molo nord

L’Arco di Traiano

Risale al 115 d.C. costruito per rendere omaggio all’Imperatore che aveva fatto ampliare il porto a sue spese.

Dal prolungamento del molo nord ..

L’Arco Clementino

Risale al 700 costruito per rendere omaggio a Papa Clemente XII che aveva voluto potenziare il porto, è posizionato parallelamente a quello di Traiano.

Il progetto fu affidato ad un’illustre architetto …

Luigi Vanvitelli

Ed immediatamente il pensiero va al suo più famoso e bellissimo progetto, la Reggia di Caserta commissionatagli dal Re di Napoli, Carlo di Borbone.

Cosi come …

Nel molo sud

La Mole Vanvitelliana o Lazzaretto

Progettò all’interno del porto su un’isola artificiale di forma pentagonale un edificio con la stessa forma geometrica.

Aveva più finalità, ma sopratutto accoglieva persone provenienti da zone non sicure che dovevano sostare per 40 giorni prima di entrare in città, dunque dovevano stare in quarantena.

Oggi conserva lo straordinario Museo Tattile Omero, inoltre si espongono mostre temporanee e si svolgono eventi culturali.

Purtroppo non ho potuto fotografarli.

Invece alzando lo sguardo …

Il Colle Guasco

Dove i greci eressero il Tempio di Afodite

Oggi nell’area del tempio svetta il simbolo della città …

Il Duomo di San Ciriaco

Risale al 1230 ed è stata costruita con la pietra bianca del Conero, invece i due leoni posti ai due lati del portone sono in marmo rosso.

Si arriva da una lunga scalinata, ma è preferibile farla in discesa, adesso per salire meglio prendere un taxi o la navetta.

Il Campanile

E’ successivo risale al 1314

La posizione regala una visione sul porto ancor più suggestiva

Adesso inizio la discesa ed è un susseguirsi ininterrotto di interessante bellezza e storia.

In Piazza del Senato

La Chiesa dei SS. Pellegrino e Teresa o Chiesa degli Scalzi

Realizzata nell’area di una precedente chiesa nel 17o6 dai Carmelitani Scalzi.

E’ particolare per l’interno a pianta circolare e la cupola in rame molto grande in proporzione.

Il Palazzo del Senato

Edificio storico risale al 1225 . In stile romanico, sorge sull’area del Foro Romano i cui basamenti e parti di colonne sono visibili.

Oggi sede della Sopraintendenza ai Beni Architettonici e Ambientali delle Marche.

Poco distante …

Palazzo Ferreti

Il Cinquecentesco palazzo nobiliare è oggi sede del Museo Archeologico Nazionale delle Marche.

In Piazza Benvenuto Stracca

Il Palazzo degli Anziani

Palazzo storico del 1200 è il palazzo Comunale.

L’orologio a sei ore

Posto sul lato sinistro del palazzo utilizza il sistema orario romano, in vigore dal 1.200 .

Napoleone introdusse l’orologio a 12 ore.

Di fronte …

La Chiesa del Gesù

Costruita nel 16o5, e ristrutturata nel 1743 dall’architetto Luigi Vanvitelli, il quale volle dare un andamento curvilineo al fine di ricordare la curva dell’insenatura del porto.

Dopo aver attraversato la bella porta in via Bernabei

La Chiesa di San Francesco alle Scale

Risale al 1323 invece successiva è la grande scalinata che risale al 1447 cosi come il portale in stile gotico realizzato da Giorgio Orsini da Sebenico nel 1454.

Proseguendo si arriva …

Piazza Plebiscito o del Papa

E’ la più antica, realizzata alla fine del 400.

L’attuale nome risale al 1860 quando con plebiscito le Marche aderirono al Regno d’Italia.

Si può ammirare …

Il Palazzo del Governo con Torre Civica

Risale al 300, il quadrante dell’orologio è in pietra di paragone. Oggi è sede della Prefettura.

La monumentale scalinata

Nella sommità della scalinata ..

La Chiesa di San Domenico

E’ stata progettata nel 1763. La facciata in pietra d’Istria è rimasta incompiuta.

All’interno in particolare due interessanti dipinti : la Crocifissione opera di Tiziano e l’Annunciazione del Guercino.

A metà della scalinata …

La Statua di Papa Clemente XII

Realizzata per rendere omaggio a chi contribuì alla rinascita economica concedendo il porto franco, ed anche culturale inviando l’architetto Luigi Vanvitelli per potenziare il porto.

All’inizio della scalinata …

La Fontana di Piazza o Emiciclica

Realizzata nel 1817.

In Corso Mazzini

Cattura l’attenzione …

La Fontana del Calamo o delle 13 cannelle

Perché 13 sono le cannelle che fuoriescono dalle altrettante bocche delle maschere, eccetto quella centrale realizzata in pietra sono tutte in bronzo.

Si giunge subito …

In Piazza Roma

Realizzata nel 1860 abbattendo le cinquecentesche mura.

In evidenza …

Il Palazzo dell’Orologio

Di fronte …

La Fontana dei Cavalli

Realizzata nel 1758 è costituita da tre vasche. Nella vasca in alto è posizionato un putto. nella vasca più bassa 4 cavalli marini e tra essi 4 delfini per ricordare la tempesta e la calma caratteristiche del mare.

Poco distante da qui nuovamente Piazza Cavour si chiude cosi il cerchio e la visita alla città .

L’ultima cosa interessante che non ho visto ma che vi segnalo si trova nella parte opposta al porto è …

Il Passetto

La spiaggia rocciosa, si accede da una scalinata e da un ascensore panoramico entrambi in prossimità del Monumento ai Caduti.

Nelle grotte che un tempo erano rifugio dei piccoli pescherecci oggi tanti i caratteristici locali.

Colgo l’ultima immagine e mi viene in mente Seneca …

Agosto 2020