Piazza Armerina – Enna – Sicilia – Italia

Sui Monti Erei ..

Il borgo medioevale dei mosaici

Piazza da Plàtea – Piazza del mercato

Sorge su un precedente villaggio, distrutto dal re normanno, Guglielmo I.

Fondato dai Marchesi Aleramici, di origine franca, la famiglia dal capostipite Aleramo si è ramificata, i Marchesi di Monferrato, il ramo più noto.

Successivamente nel 1163 ..

Per volere del re normanno, Gugliemo II, rinasce dall’insediamento dell’accampamento militare – castrum armorum

Pertanto nel 1862

Armerina

Venne aggiunta per ricordare la fondazione dal Castrum Armorum

Urbs Opulentissima

E’ il titolo conferitogli da Carlo V, nel 1512.

La scoperta della città ha inizio dal punto più alto, qui …

Il Castello Aragonese

Risale al IV secolo, voluto da Re Martino I il Giovane, poi rimaneggiato nel 500

Poco oltre …

La Cattedrale Maria Santissima delle Vittorie

Costruita tra il 1604 e il 1719, su una precedente chiesa. Nel lungo periodo in cui è stata costruita, ha subito la contaminazione sia dello stile gotico che del barocco.

Il campanile, alto 40 metri, risale alla chiesa precedente.

La cupola verde, di 76 metri d’altezza, è la più alta della Sicilia

All’interno, il battistero realizzato da Antonio Gagini, grande scultore e architetto, operò sopratutto in Sicilia.

Accanto …

Palazzo Trigona della Floresta

Palazzo nobiliare in stile tardo barocco, oggi sede del Museo della Città e del Territorio

Ripercorrendo a ritroso le deliziose stradine

In Piazza Garibaldi

La Chiesa di San Rocco

In stile barocco, realizzata in pietra arenaria.

Accanto …

Il Palazzo di Città

In origine Corte Capitanale o Corte di Giustizia, oggi centro culturale, in stile barocco.

Tra le incantevoli viuzze il Siciliartegusto, è il locale dove gustare le tipicità del territorio tra le belle ceramiche siciliane.

Ancora bellezza a 3 Km di distanza dal borgo, nella valle del Fiume Gela alle pendici del Monte Mangone .

La stupefacente testimonianza di epoca romana, sito UNESCO, è ..

La Villa Romana del Casale

Costruita tra il III e IV secolo a.C., periodo tardo imperiale

Circondata da un grande podere, latifondo, produceva olio, grano, vino.

Era una residenza di lusso che secondo alcuni studiosi apparteneva a Lucio Populonio, Governatore della Sicilia e Console Romano.

Secondo altri all’ Imperatore Massimiliano Erculeo, Imperatore della prima Tetrarchia.

E’ il reperto archeologico con mosaico pavimentale eccezionale per qualità artistica, ed estensione.

Nel 1161, fu distrutta da un incendio e in seguito ricoperta da una valanga di fango proveniente dal Monte Mangone, ma grazie a questa copertura è stata protetta.

Per visitare la villa soffermandosi e ammirare nei dettagli gli splendidi mosaici che tanto raccontano, due ore son passate velocemente.

Adesso, anche se in sintesi vediamo insieme le suggestioni più stupefacenti, e le curiosità più entusiasmanti.

La villa che si sviluppa in 48 ambienti è suddivisa in 4 sezioni :

1 Ingresso 2 Terme 3 Peristilio quadrangolare 4 Peristilio ovoidale

L’Ingresso

A tre arcate immette in un cortile a pianta semicircolare

. Le Terme

L’impianto è completo, formato da:

Apodyterium – Spogliatoio

Tepidario, con una vasca di acqua tiepida

Calidario, con una vasca d’acqua calda

Laconicum, riscaldato con aria calda secca

Frigidario, con una vasca d’acqua fredda

La stanza dei massaggi, effettuati con oli e unguenti profumati

La palestra, per svolgere gli esercizi ginnici.

Il mosaico all’ingresso rappresenta il rito di benvenuto per gli ospiti, raffigura al centro la Domina la padrona di casa, ai lati probabilmente i figli e di seguito le ancelle che portano i cambi d’abito, e la cassetta con unguenti per il massaggio.

3 Il Peristilio

Nell’architettura romana, era il portico con colonne che delimitava all’interno della casa, nella zona centrale, un cortile che generalmente conteneva alberi, piante e fontane.

Nel Peristilio quadrangolare della villa, al centro una grande fontana monumentale a tre vasche .

Il mosaico che decora tutti i lati del porticato, raffigura protomi di animali, leoni, cavalli, orsi, tigri, cinghiali, all’interno di un cerchio formato da una ghirlanda d’alloro, inscritto in un quadrato.

Attorno al porticato si snodano stanze di servizio, cucine, sale da pranzo, sale d’intrattenimento per gli ospiti come la sala della musica, sala della danza.

In tutte le stanze bellissimi mosaici eseguiti da artisti nord africani.

Raffigurano scene di caccia e di giochi, flora e fauna, eroi e divinità, disegni geometrici.

Il pavimento geometrico

Indica generalmente la funzione di sala per attività di servizio

Pavimento con decorazione geometrica e figurata

Indica probabilmente la sala da pranzo, sono raffigurati nei tondi i busti delle 4 stagioni, alternati a pesci e volatili.

Il pavimento della grande caccia

E’ in un lunghissimo corridoio

Raffigura la cattura di belve feroci ed esotici, da esibire negli spettacoli durante i giochi nelle arene.

E’ molto suggestivo perché ricco di particolari, ne ho colto due:

La Cattura dell’ Elefante

La Cattura del Rinoceronte

Dal corridoio si accede ad una grande sala absidata, è ..

La Basilica

Nell’architettura romana, era nella sua forma più semplice una costruzione a pianta rettangolare,con all’estremità l’abside. Era il luogo per le riunioni pubbliche, e dove si amministrava la giustizia.

Pertanto il dominus, riceveva gli ospiti, e amministrava la giustizia, dall’area sopraelevata dell’abside.

Ai due lati della basilica vi erano rispettivamente le stanze private, da una parte del dominus e dall’altra della domina e dei loro figli.

Il Pavimento Circo dei Bimbi

Probabilmente anticamera alla stanza da letto dei figli, raffigura quattro aurighi bambini su quattro bighe ciascuna trainata da volatili che corrono attorno alla spina di un circo. Il vincitore riceve la palma della vittoria.

Il pavimento delle palestrite

Interessante testimonianza che anche le donne praticavano sport.

Sono raffigurate delle atlete che indossano il tipico completo usato nelle gare atletiche, un bikini ! ?

Intente a disputare una gara, che comprende: esercizi con i manubri, il lancio del disco, la corsa, la palla a mano, i cerchi.

Le atlete che si sono cimentate con i cerchi sono le vincitrici, una già incoronata con una ghirlanda, e con la palma della vittoria, l’altra che sta per essere premiata, tiene in mano il cerchio che veniva fatto rotolare spingendolo con un bastoncino.

Il disegno geometrico nell’angolo in alto a sinistra indica che il precedente pavimento è stato coperto da un mosaico figurato, probabilmente perché danneggiato o per adeguare la stanza ad un cambiamento di utilizzo.

Quanta bellezza, sono estasiata.

Proseguendo ..

Il Peristilio Ovoidale

Era la sala utilizzata per i banchetti.

Lateralmente alcune stanze probabilmente stanze da letto per gli ospiti.

Il mosaico che decora tutto il porticato, raffigura vari animali tra girali d’acanto.

Eccoci fuori dalla villa, giunti al termine di questo interessantissimo percorso, ed ecco nel verde, la scultura in marmo di Carrara ben inserita in questo suggestivo contesto, la bella scultura è del grande artista Igor Mitoraj.

Infine, ancora una stupefacente testimonianza è …

L’Acquedotto Privato

Realizzato per fornire l’acqua esclusivamente alla villa.

Gennaio 2023

Milano – Lombardia – Italia

Ogni volta che ritorno nella bella Milano, resto affascinata e sorpresa nell’apprendere quanto devo ancora scoprire.

Pertanto acquisisco che sono la testimonianza di un industrioso passato le suggestive …

Case di Ringhiera o Case Ballatoio

Sono appartamenti in palazzi da due a sei piani, i palazzi sono posti in modo tale da delimitare un cortile interno, dal cortile le scale che portano ai piani superiori.

In ogni piano vi è un ballatoio ovvero un balcone continuo con ringhiera di metallo, è caratteristico perché si estende lungo tutto il piano, ed è da qui che si accede agli appartamenti.

Il pian terreno ospitava le botteghe artigianali, oggi invece eleganti negozi.

Sono la testimonianza di un laborioso passato, perché è in seguito alla rivoluzione industriale, ed alla conseguente emigrazione, che nasce l’esigenza di accogliere il ceto operaio.

Osservando questa tipologia di abitazione immagino la quotidianità che inevitabilmente era di condivisione e solidarietà.

Oggi, sono state rivalutate, e sono una scelta di tendenza, sopratutto dei giovani, l’augurio è che vengano rivalutati anche i nobili sentimenti che le animavano.

Sono per lo più nella bella zona dei Navigli (vedi art. Milano – Maggio 2019)

Restando indietro nel tempo, ecco uno dei ristoranti storici, che in questo periodo dell’anno è avvolto dalla magica atmosfera del Natale.

Ubicato a poca distanza dalla città, è il fantastico…

Al Garghet

Gracidare delle rane, questo è il significato in gergo milanese,ciò deriva dal fatto che si trova immerso nella bella campagna.

Naturalmente il menù è tipico, dal risotto alla milanese, alla cotoletta con i pomodorini.

Con sorpresa mi accorgo della bella opera che decora una parete del locale, si, rappresenta le case di ringhiera.

Ed ancora magia a pochi passi dal Duomo, in Via Mazzini, la fiabesca ..

Rabbit Hole

La sala da tè, ispirata alla celebre fiaba Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carrol, pseudonimo dello scrittore inglese Charles Lutwidge Dodgoson, scritta nel 1865.

Tutto è un riferimento alla storia di Alice, la bambina che sogna di seguire un coniglio bianco, ma la curiosità spingerà Alice fino alla tana del coniglio, a tal punto che cadrà dentro la tana, ed è cosi che Alice incontrerà personaggi surreali, e vedrà oggetti animarsi, dunque vivrà tante avventure ritrovandosi in un mondo fantastico.

Dicembre 2022

Lago Maulazzo – Messina – Sicilia -Italia

Nel Parco dei Nebrodi ..

E’ ubicato il bel lago artificiale, alle pendici del Monte Soro, la vetta più alta dei Nebrodi, nella faggeta Sollazzo Verde.

Luogo ideale per il Martin Pescatore, il Germano Reale, l’Airone Cinerino

Cosi come per …

La Rosa Canina

E’ la specie di rosa spontanea più comune in Italia, si trova spesso nel sottobosco.

Tra Ottobre e Novembre si ha la maturazione delle bacche, invece da Maggio a Luglio fiorisce.

E’ una pianta officinale, utilizzata sopratutto per l’alto contenuto di Vitamina C.

In Sicilia, il lago è uno dei luoghi più belli dove poter ammirare ..

Il FoliageFogliame

Parola inglese in uso dal XII secolo, indica il cambiamento di colore delle foglie, che dal verde vira al giallo, ed infine al rosso.

E’ uno spettacolo della natura che si verifica in autunno, ma il prolungamento eccessivo della stagione estiva ha ritardato questo incantevole caleidoscopio, pertanto posso solo apprezzare il primo accenno.

Novembre 2022

Spello – Perugia – Umbria – Italia

Alle pendici del Monte Subasio il borgo dei fiori!

Fondato dagli Umbri

Conquistato dai Romani

Hispellum

E’ la Splendidissima Colonia Julia, come sancito dal primo imperatore romano, Gaio Giulio Cesare Ottaviano Augusto.

Testimonianza del glorioso passato è ..

La Cinta Muraria

Risale al I secolo d.C., ed è ben conservata cosi come le 5 porte d’accesso alla città.

Porta Consolare – Porta Urbica – Porta VenerePorta dell’Arce o dei Cappuccini – Arco di Augusto

Porta Consolare

E’ la porta principale d’ingresso

Proseguendo ..

In Piazza della Repubblica

Palazzo Baglioni

La Famiglia Baglioni, Signori di Perugia, Conti di Spello, governarono per più di un secolo dal 1438 al 1540.

Di fronte ..

Il Pellegrino di Assisi

Opera dello scultore umbro Norberto Proietti, la statua in bronzo raffigura un giovane San Francesco a cavallo, di ritorno dalla guerra tra Assisi e Perugia.

La Fontana Ornamentale

Risale ai primi del 900

Poco più avanti …

La Collegiata di Santa Maria Maggiore

Risale al XIII secolo, costruita sui resti di un precedente Tempio, comprende: il Palazzo Priorale oggi residenza del parroco (a destra), ed il Palazzo dei Canonici (1522) oggi sede della Pinacoteca Civica (a sinistra).

All’interno della Chiesa …

La Cappella Baglioni

Decorata con un ciclo di affreschi realizzati da Bernardino di Betto Betti, noto come Pinturicchio, (piccolo pintor – piccolo pittore) il soprannome deriva dalla sua corporatura minuta, egli lo fece proprio e lo usò per firmare le sue opere, è uno dei grandi maestri della scuola umbra.

Proseguendo lungo Via Cavour ..

La Chiesa di Sant’Andrea 1025

All’interno la pala d’altare, Madonna con Bambino e Santi, opera pittorica del Pinturicchio.

La via principale, ed i bei vicoletti sono sempre colorati da splendidi fiori, con i quali si realizzano le suggestive ..

Infiorate del Corpus Domini

Ogni anno per la festa cattolica del Corpus Domini (nona domenica dopo la Pasqua), gli artisti realizzano dei tappeti floreali, dislocati lungo le vie del centro per un percorso di 1,5 Km.

Inoltre da questa passione per i fiori nasce nel 2017 ..

L’Acqua ai Fiori di Spello

I profumi che raccontano le splendide fioriture delle valli umbre“.

Successivamente anche saponi, creme e tanto altro

Nel punto più alto ..

La Chiesa di San Severino

In stile romanico risale al IV secolo.

All’interno l’opera Nascita del Battista, di Pietro Cristoforo Vannucci, noto come Perugino o Divin Pittore, tra i grandi maestri della scuola umbra.

Risale al 600 il convento sorto intorno la Chiesa, che da allora ospita i Frati Cappuccini.

Torre di San Severino

Costruita nel XV secolo, a pianta quadrangolare è inglobata al convento adiacente.

Porta dell’Arce o dei Cappuccini

Da qui …

Il Belvedere dei Cappuccini

Per ammirare la bella e verdeggiante valle.

Al termine di questa splendida giornata ..

Delfina Palace Hotel, scelto per il nostro soggiorno.

Rasiglia – Perugia – Umbria – Italia

Il Borgo dei Ruscelli !!!

Nella Valle del Menotre

E’ ubicato il bel borgo medievale, che risale al XII secolo.

La Famiglia Trinci, Signori di Foligno dal 1305 al 1439, realizzò il primo opificio per la produzione di tessuti pregiati, sfruttando la presenza dell’acqua che percorre il bel borgo.

Vi scorre appunto il Fiume Menotre, e nel suo fluire attraverso un sistema di canali, cascate, e chiuse indirizzato verso l’opificio.

L’energia idroelettrica prodotta azionava i telai.

Oggi possiamo solo immaginare la ricchezza, e la vitalità del borgo dovuta alla laboriosità dei suoi abitanti.

Ma anche se la quotidianità nel bel borgo è sopita, perché la fiorente attività tessile non esiste più, resta la bellezza, e l’incanto di un luogo fiabesco.

Penso a quanti splendidi luoghi regala questo nostro mondo, immersa nella favolosa atmosfera di questo delizioso piccolo borgo.

Ottobre 2022

Vipiteno – Bolzano – Trentino Alto Adige – Italia

Nella Valle Isarco

Si estende il bel borgo, protetto dal Monte Cavallo.

Valle IsarcoVal Pusteria – Val Venosta – Val d’Adige

Sono le 4 valli principali della regione.

Il Monte Cavallo

E’ la terrazza soleggiata di Vipiteno, cosi definito perché sempre soleggiato svetta sopra Vipiteno, è talmente vicino al bel borgo che lo si raggiunge con la cabinovia.

In inverno ..

Sciare è scontato, lo sono anche le escursioni con le racchette da neve, le ciaspole, cosi come provare la pista da slittino più lunga d’Italia, o le accoglienti baite dove gustare le specialità gastronomiche, scontato si, ma bellissimo!

In estate …

Le tante escursioni, e tra queste l’escursione circolare del monte, e poi le passeggiate per giungere alle malghe aperte solo d’estate, perché solo in questa stagione si pratica l’alpeggio, bellissimo!

Alpeggio

E’ il pascolo estivo in alta montagna, le mucche da Giugno a Settembre vengono portate in montagna e fatte pascolare in alta quota.

La Malga

Comprende la casa, la stalla, ed i locali in cui i malgari lavorano direttamente il latte ottenendo cosi i prodotti di malga, formaggi , burro , e tanto altro, fermarsi a gustare queste prelibatezze, che bontà!

Che splendore, cosi come è splendido il borgo fondato ..

Dai romani nel 14 a.C. , fu il generale Druso, che volle qui un accampamento militare che chiamò Vipitenum.

Il simbolo è …

La Torre delle Dodici

Risale al 1474, ed è alta 46 metri la bella torre d’avvistamento.

Caratteristiche sono …

Erker – le finestre a bovindo – bow window

Sono ad arco e sporgenti verso l’esterno, sempre adornate da splendidi fiori.

Il Palazzo Comunale

La Statua di San Giovanni Nepomuceno 1739

La Chiesa del Santo Spirito XIV secolo

Infine …

In Piazza Città

Tre sono gli appuntamenti entusiasmanti …

. Il Mercatino di Natale

Dal 25 Novembre la piazza si arricchisce con le tante casette di legno, che deliziosamente addobbate espongono vari oggetti natalizi, esposti anche nelle tante bancarelle che si snodano nella bella via principale.

. La Sagra dei Canederli

Si svolge il 10 Settembre, i canederli o gnocchi di pane, sembrano delle grandi polpette, tutti molto buoni sia salati che dolci ma quelli della tradizione sono i canederli allo speck.

. Le Giornate dello Yogurt

Si svolgono nel mese di Luglio le degustazioni dell’ottimo yogurt della Cooperativa Latteria Vipiteno

Quanta bellezza !!!!

Lasciando questo incantevole luogo, la mia attenzione è catturata dai bellissimi …

Campanili Rossi

Svettano tra le splendide valli, e indicano che lì sorge un piccolo borgo.

E’ necessario che siano ben visibili d’estate quando tutto è verde, e d’inverno quando tutto è bianco, sono un punto di riferimento, ovvero orientamento per i viaggiatori, e protezione per la comunità, sono il simbolo del territorio.

Particolarmente suggestivo è ..

Il Campanile di Curon

Perché solo una parte del campanile emerge dal Lago di Resia , a differenza del Borgo di Curon , in Val Venosta , totalmente sommerso.

Ottobre 2022

San Candido – Bolzano – Trentino Alto Adige – Italia

Nel Parco Naturale delle Tre Cime

In Val Pusteria

Si adagia il delizioso borgo, accolto dalle splendide Dolomiti.

Dolomiti – Patrimonio dell’Umanità

Sono i monti che formano le Alpi Orientali, e si estendono in un area che include i territori di tre regioni: Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Veneto, e cinque provincie : Trento, Bolzano, Belluno, Pordenone, Udine.

Il nome deriva ..

Dal geologo francese Dolomieu, il quale scoprì le caratteristiche del minerale che le compone, dolomia, che conferisce il particolare colore chiaro, pertanto anche detti monti pallidi, ma la luce dell’alba e del tramonto le colora di rosa .

Enrosadira è il fenomeno che spiega il perché, ed è legato alle origini, infatti la catena montuosa, 250 milioni di anni fa era sommersa dal mare, pertanto è composta da conchiglie, alghe, coralli, e poi 70 milioni di anni fa emersero.

La Marmolada

E’ la vetta più alta

Ma qui le più famose e suggestive vette sono ..

Le Tre Cime di Lavaredo

E’ possibile effettuare il giro delle tre cime tra i sentieri, inoltre il dislivello è lieve, ciò consente una bella camminata, il percorso di 10 Km si effettua in 4 ore circa, unico intoppo la pioggia che non mi ha consentito di fare l’invitante escursione.

Nella rotonda che introduce al bel borgo medioevale ..

La Scultura delle Tre Cime di Lavaredo

E’ incantevole per le sensazioni che suscita un borgo medievale inserito in un tipico paesaggio di montagna, pertanto vi è anche un fiume che lo attraversa ..

Il Fiume Drava

Affluente del Danubio, che dopo 10 Km circa oltrepassa il confine con l’Austria.

Nel centro storico, la prima cosa che ammiro è ..

La Chiesa Collegiata di San Candido e Monastero

Ricostruita nel 1240 su una precedente chiesa, è in stile romanico.

A poca distanza nella vivace via principale ..

La Chiesa Parrocchiale di San Michele

Risale al 1200, ma nel 1735 è stata ristrutturata nello stile dell’epoca, il barocco.

Passeggio letteralmente abbracciata dai monti, incuriosita dalle tante botteghe artigiane, e dalle tipicità gastronomiche del territorio, primo fra tutti lo speck, e la sensazione è splendida.

D’inverno quando tutto è innevato, immagino l’ulteriore bellezza.

Agosto 2020

Borgo Parrini – Palermo – Sicilia – Italia

E’ il borgo dalla creatività !

L’ affascinante piccolissimo borgo ..

Parrini

In dialetto siciliano, si indicano i preti, pertanto è cosi chiamato perché a loro si deve la nascita del borgo.

I Padri Gesuiti del Noviziato di Palermo

Nel 5000 acquistarono delle terre, e realizzarono una grande Azienda Agricola.

Nacque cosi il villaggio che divenne la residenza dei coloni, ma nel 1767 anno in cui l’Ordine dei Gesuiti venne soppresso, l’azienda fallì.

I terreni passarono ..

Al Principe Henry d’Orléans, Duca d’Aumale

Pertanto il villaggio divenne la residenza dei viticoltori, perché il principe convertì l’attività in Azienda Vitivinicola, dove veniva prodotto il pregiato vino, Moscatello dello Zucco.

Nel 900 la decadenza ma nel 2000 la ripresa

L’Imprenditore Giuseppe Gaglio

Sostenuto dai pochi abitanti ha dato vita al bellissimo borgo.

Indaco e ocra, sono i due colori che insieme al bianco caratterizzano le belle case.

Dall’architetto spagnolo Antoni Gaudì, tra i massimi esponenti del modernismo catalano, hanno tratto ispirazione.

Questo è lo splendido risultato …

E’ tutto un divenire, tanto è in ristrutturazione, tanto altro è stato realizzato.

Si può visitare anche l’interno, pertanto entriamo insieme …

Saliamo le scale della deliziosa scala a chiocciola …

L’essenziale stanza da letto …

Incantevole, come le tante belle frasi sparpagliate sui muri.

Interessante è il Laboratorio Museo

Infine ..

Da Camurria, negozio di souvenir e prodotti tipici.

Camurria – seccatura, in gergo è un intercalare, precisamente chi camurria – che seccaturia e si ‘na camurria – sei fastidioso/a

Concludo questo splendido percorso con il desiderio di ritornare per scoprire i nuovi progetti, e con in mente una frase da suggerire ..

Agosto 2022

Militello – Catania – Sicilia – Italia

Sui Monti Iblei ..

In Val di Noto

Sono otto le Città Barocche Patrimonio dell’Umanità

1 Militello 2 Catania 3 Caltagirone 4 Noto

5 Palazzolo Acreide 6 Ragusa 7 Scicli 8 Modica

Ricostruite in stile barocco, in seguito al terremoto del 1693

Val da Vallo

Il Vallo era una circoscrizione amministrativa.

La Sicilia era suddivisa in tre valli: Val di Noto – Val di Mazara – Val Demone

Tale ripartizione introdotta dagli arabi, e rinnovata dal Re di Sicilia, Ruggero II, fu abolita nel 1812.

Sull’origine sono due le ipotesi, è …

Mellis Tellus – Città del Miele – fondata dai Greci

Militus Tellus – Città dei Soldati fondata dai Romani

La seconda ipotesi è la più probabile, accadde che i soldati di Marco Claudio Marcello, durante l’assedio di Siracusa, 2 guerra punica, per scampare alla peste si stabilirono nella collina dall’aria salubre e l’acqua limpida.

Con un lungo salto in avanti nel tempo, del periodo feudale è ..

Il Castello Barresi – Branciforte

Voluto nel 1303 dal Barone Barresi, e nel 1575 ingrandito e rimaneggiato dal Marchese Barresi Branciforte

Il Feudo di Militello

Il Barone Abbo Barresi ricevette l’investitura di Signore di Militello, per volere del Re Federico II D’Aragona.

Successivamente …

Il Marchese Vincenzo Barresi Branciforte, per volere del Re Filippo II d’Asburgo, fu investito del titolo. La famiglia detenne il marchesato fino al 1812.

Nel 1812, la Costituzione Siciliana concessa dal Re Ferdinando II di Borbone, decretò l’abolizione del feudalesimo.

Del castello oggi rimane solo…

La Torre Cilindrica e la Porta di Terra

La Fontana della Ninfa Zizza

Voluta nel 1607 dal Principe Francesco Branciforte, per festeggiare la realizzazione del primo acquedotto della città.

Proseguendo linearmente lungo la bella via ..

Si arriva ..

Al Santuario Santa Maria della Stella 1722

Di fronte ..

Palazzo Majorana della Nicchiara

Proseguendo lungo Corso Umberto I, in Piazza Vittorio Emanuele

La Chiesa di San Nicolò e del SS. Salvatore 1721

Di fronte ..

Palazzo Liggieri

Procedendo lungo Corso Umberto I , in Piazza Municipio

La Chiesa ed Abbazia di San Benedetto

Voluta nel 1614 dal Marchese Francesco Branciforte e dalla moglie Giovanna dAustria.

Il Monastero Benedettino

Oggi sede del Comune è per estensione il terzo in Sicilia, dopo il Monastero di San Nicolò l’Arena di Catania, e quello di Monreale.

All’interno ..

La Statua della Madonna del Rosario

Donata dalla Principessa Donna Giovanna d’Austria, per rendere omaggio al padre, Giovanni D’Austria, volendo ricordare la vittoria conseguita nella Battaglia di Lèpanto, battaglia navale, tra le forze della Lega Santa alla guida di Don Giovanni D’Austria, e quelle dell’Impero Ottomano.

La statua raffigura la Madonna con in braccio Gesù Bambino, che poggia i piedi su una mezza luna.

Il bel percorso ricco di fascino e storia mi ha fatto scoprire ciò che non immaginavo, un incantevole piccolo borgo antico.

Lasciato il borgo, in lontananza ancora un’immagine cattura la mia attenzione, è ..

Il Lago Lentini

Un lago artificiale, oggi un’importante oasi naturalistica, habitat di molte varietà di piante, uccelli, e pesci.

In origine ..

Lacuus Erculeus

Narra la leggenda che Ercole, figlio di Giove, portando in dono a Cerere, Dea delle messi, la pelle del leone Nemeo da lui sconfitto, sia rimasto colpito dalla bellezza del luogo, tanto da creare un lago.

In realtà ..

Lago Biviere – vivaio di pesci

Secondo alcuni studiosi è d’origine araba, secondo altri furono i cavalieri templari alla fine del XII secolo a realizzarlo, il fine far diventare l’area una riserva di caccia e pesca.

Concludo con una frase che mi viene in mente, è del grande pittore siciliano, Renato Guttuso.

Agosto 2022

Tindari – Messina – Sicilia – Italia

Sui Monti Nebrodi – Tyndaris

Domina da 268 m. di altezza sul Mar Tirreno e sulla Riserva Naturale Orientata dei Laghi di Marinello.

Sotto il promontorio ..

I Laghetti di Marinello

Un area lagunare, che crea laghetti salmastri, il numero e la forma dipende dalle maree e dalle stagioni.

Il Golfo di Patti

Coda di Volpe

E’ l’antico sentiero naturalistico, lungo circa 1 Km, che collega Marinello all’Area Sacra di Tindari, un tempo unica via di collegamento, in seguito via di pellegrinaggio al Santuario Mariano.

Volgendo lo sguardo, si ammirano le Isole Eolie

Oltre questo incantevole panorama, in questo affascinante luogo è molto bella ed interessante:

L’ Area Sacra e l’Area Archeologica della splendida Città Greco – Romana

Dionisio I

Tiranno di Siracusa, la fondò nel 396 a.C., la chiamò Tyndaris, per rendere omaggio al re di Sparta, Tindaro.

Da sempre, nel punto più alto …

L’ Area Sacra

L’Acropoli per i greci, oggi il Santuario Mariano

Il Santuario Mariano

E’ uno dei luoghi più visitati in Sicilia, si venera la Madonna Nera.

La Statua raffigura la Madonna con Gesù Bambino, rappresentata come Basilissa, regina seduta in trono, nel basamento è incisa una frase, tratta dal Cantico dei Cantici: Nigra sum sed formosa = Sono nera ma bella.

La Statua Bizantina

Proviene da Oriente, VIII secolo, periodo in cui nell’Impero Bizantino nacque il movimento iconoclasta.

Qualcuno volle salvarla, pertanto venne conservata in una cassa di legno, e caricata su una nave, ma in seguito ad una forte tempesta la nave s’incagliò presso Marinello.

Quando la tempesta cessò, i marinai pronti a partire, non riuscivano a far salpare la nave, pensarono quindi di alleggerire il carico lasciando in mare anche la cassa che conteneva la statua.

La cassa venne recuperata da alcuni abitanti di Tindari, e custodita nella Chiesa sorta sull‘Acropoli.

La Chiesa, nel tempo è stata ingrandita e rimaneggiata per contenere il gran numero di pellegrini sempre più numerosi.

Ancora fascino e curiosità

Nell’ Area Archeologica

Apprendo che …

Ippodamea

E’ cosi chiamato l’impianto urbanistico, dal nome dell’architetto urbanista, Ippodamo di Mileto, V secolo a.C. , che lo ideò.

Detto anche …

Scacchiera

Perché si articola nel seguente modo : 3 Decumani = ampie strade, asse est-ovest, intersecate da 2 Cardines = strade strette, asse sud -nord, cosi da formare le insule = isolati quadrangolari.

Ben visibile è …

L’Insula IV

Gli scavi hanno riportato alla luce l’intero isolato, si distinguono: 6 Tabernae = botteghe, 2 Domus = case, 1 Complesso Termale.

Le Tabernae

Erano ubicate al piano terra delle insulae = palazzi, cosi dette perché ciascun palazzo era separato dall’altro da uno spazio di circa due piedi e mezzo.

Erano abitate dai plebei, ovvero da artigiani, commercianti, contadini, che pur essendo il volano produttivo non potevano ambire ad alcuna carica politica.

La Domus

Era l’abitazione dei patrizi, che ritenevano di discendere dai fondatori della città di Roma, pertanto solo a loro erano riservate tutte le cariche politiche.

Caratteristico …

Il Peristilio = Colonne

Era il portico con colonne che delimitava all’interno della casa, nella zona centrale, un cortile che generalmente conteneva delle piante o una fontana, da cui si snodavano le varie stanze.

La sala soggiorno e la sala di ricevimento

Le Terme Pubbliche

Risalgono al III secolo d.C. , è un piccolo impianto ma completo, formato come di norma da un susseguirsi di stanze, precisamente :

Lo Spogliatoio, il Tepidario contenente una vasca di acqua tiepida, il Calidario con vasca di acqua calda, il Frigidario con vasca di acqua fredda.

All’esterno il Praefurnium, un grande forno in cui si produceva aria calda che veniva fatta passare sotto il pavimento in corrispondenza delle vasche del Tepidario e del Calidario, rispettivamente per intiepidire e riscaldare l’acqua.

Ben conservati sono i bei pavimenti a mosaico, raffigurano atleti, animali, e il simbolo della Sicilia, la Trinacria.

Poco più avanti ..

La Basilica

Nell’architettura romana, era un edificio rettangolare con una grande navata centrale, ai lati una o più navate minori.

Era il luogo per le pubbliche riunioni, per gli affari , e dove si amministrava la giustizia.

Alle spalle ..

L’Agorà

Nell’architettura greca, era una piazza porticata, generalmente rettangolare delimitata da un portico – stoà , solo su tre lati, anteriormente aperta.

Era il luogo di raduno, il centro della vita economica e sociale, da dove si giungeva all’Acropoli.

In direzione diametralmente opposta …

Il Teatro Greco

Risale al III secolo a.C. , appoggiato alla naturale conca della collina.

I Romani

Lo modificarono adattandolo ad arena per i giochi, aggiungendo anche un portico in laterizio.

Anche da qui, il panorama è spettacolare.

Naturalmente la città era circondata da mura

Mura Ciclopiche

A doppia cortina, con torri quadrate di avvistamento, posizionate a varia distanza.

Infine ..

L’Antiquarium

Il museo, piccolo ma interessante per i reperti trovati in loco, dove ho incontrato Maria Tindara e Angela, due gentili guide che ringrazio.

E’ stata una splendida giornata, trascorsa in compagnia della mia amica Angela, un tuffo nel passato, provando ad immaginare lo svolgersi quotidiano dei nostri avi.

Luglio 2022